CANDIDATI

Come farsi assumere senza esperienza: ecco su cosa puntare

Ti capita spesso di sfogliare annunci di lavoro e trovare una posizione aperta per un lavoro che desideri, ma non hai mai maturato esperienza in quel ruolo? Vorresti candidarti ma temi un possibile rifiuto delle aziende per la poca esperienza?

Non preoccuparti: in questo articolo ti daremo qualche consiglio che ti aiuterà a farti assumere, anche senza esperienza.

Curriculum: cosa non scrivere se non hai esperienza

Innanzitutto, dobbiamo porci questa domanda: come posso convincere un recruiter a scegliere me, anche se non ho esperienza per una posizione?
Perché ti stai candidando a quella determinata posizione? Dimostra ai recruiter tutta la tua motivazione e interesse a quella posizione, mettendo in luce i tuoi punti di forza.
Durante il colloquio, metti in mostra i tuoi interessi personali e i tuoi hobby: possono essere utili per risultare più in linea con la posizione.

Anche senza esperienza, potresti essere una valida risorsa per l’azienda: i tuoi interessi personali possono spingerti a migliorare e apprendere la mansione più velocemene rispetto ad altri candidati. Per esempio, se la programmazione è la tua passione, diventare Developer non sarà solo un lavoro per te, ma anche un hobby, una sfida continua che porterà le tue performance a migliorare giorno dopo giorno.

Mentre cerchi le posizioni lavorative più adatte a te, ti consigliamo di puntare su aziende che ricercano dei profili junior, in quanto sono più propense ad assumere chi ha poca esperienza o appena concluso il proprio percorso di studi.

In questo caso, le aziende sono consapevoli di avere di fronte candidati con poca esperienza nel mondo del lavoro, ma sono disposte a utilizzare tempo e risorse per formarli e fare di loro risorse strategiche per il futuro.

Cosa non mettere nel CV se hai già esperienze lavorative

Dopo aver trovato aziende o posizioni di tuo interesse, candidati agli annunci e invia alle aziende un CV aggiornato. Ricordati di inserire nel CV le tue esperienze lavorative, anche se brevi, e mostra ai recruiter cosa hai imparato da queste.

Non dimenticarti di indicare il tuo percorso di studi: spiega quali competenze hai acquisito durante questi anni e quali potrebbero essere maggiormente in linea con la posizione per cui ti candidi. Ti consigliamo di inserire tutte le informazioni che potrebbero metterti in luce e risaltare rispetto ad altri candidati.

Perché non rispondono ai curriculum? Ecco i possibili errori

Se non hai ancora avuto esperienze lavorative, ti consigliamo di inserire nel CV le tue “Soft Skills”. Si tratta di competenze trasversali specifiche, tratti caratteriali e comportamentali che definiscono il modo in cui ti presenti in un ambiente lavorativo. Sei una persona organizzata con un’ottima gestione del tempo e la capacità di lavorare in team? Non scordarti di inserirlo nel tuo CV!

Aggiungi anche eventuali corsi, eventi, workshop a cui hai partecipato: potrebbero essere in linea con la posizione desiderata. In questo modo, i recruiter vedranno in te una persona appassionata e laboriosa, quindi probabilmente un’ottima risorsa per l’azienda.

Infine, ti consigliamo di scrivere una lettera di presentazione da allegare al tuo curriculum. Abbiamo detto “una” perché ci riferiamo a “una lettera per azienda”. Non cadere nell’errore di scrivere una lettera di presentazione da inviare a ogni annuncio per cui ti candidi: i recruiter lo noteranno! Informati sull’azienda per cui ti candidi, per prepararti a un eventuale colloquio e metti in risalto i valori dell’azienda che condividi anche tu. Punta il focus sulle tue passioni e le tue esperienze extra-lavorative evidenziando dei punti di incontro con l’etica dell’azienda.

La lettera di presentazione è la tua vetrina: se ti consideri una persona creativa o se la posizione per cui ti candidi richiede della creatività, non utilizzare un formato standard. Mentre prepari la lettera di presentazione, dai sfogo alle tue idee: per esempio, utilizza una palette di colori che richiama quella aziendale oppure utilizza lo stesso font dell’azienda.

Ultimo, ma non per importanza, fai sapere all’azienda in modo chiaro e semplice perché ti stai candidando a una determinata posizione. Scrivi di te stesso/a come se fossi la risorsa ideale per loro, quella che non dovrebbero lasciarsi scappare.

Correlati

Riorganizzazione aziendale: come funziona, quando farla e vantaggi

La riorganizzazione aziendale (in inglese change management) è quella particolare fase della gestione del cambiamento all’interno dell’azienda. Questo processo può essere percepito o come un ostacolo o come un’opportunità stimolante per la crescita: secondo l’Osservatorio di Assochange la maggior parte delle aziende considera il cambiamento una priorità, riconoscendone in alcuni casi l’importanza e l’inevitabilità. Ma […]

Approfondisci

Onboarding aziendale: cos’è e best practice per gestirlo

L’onboarding aziendale è un processo fondamentale per l’integrazione efficace dei nuovi dipendenti. Non si tratta solo di un semplice orientamento, ma di un percorso strutturato che mira a far sentire i neoassunti parte integrante del team, accelerando il loro tempo di apprendimento e aumentando la loro produttività. In questo articolo, vedremo insieme cos’è l’onboarding aziendale […]

Approfondisci