Come si diventa responsabile HR e che ruolo ha in azienda?

La gestione delle risorse umane è un’attività strategica e fondamentale in tutte le aziende. Ed il ruolo del responsabile risorse umane è strategico.

Esiste uno stretto legame tra coinvolgimento e benessere lavorativo dei dipendenti in azienda e produttività ed efficienza dell’impresa stessa.

 

Cosa sono le risorse umane

Le risorse umane sono tutte le persone che operano presso un’azienda sia con contratto di lavoro dipendente che con contratti di collaborazione. Il termine risorsa sta a sottolineare l’importanza che ogni membro ha nella realtà aziendale.

Più alto è il livello di coinvolgimento ed il senso di condivisione delle persone all’interno dell’azienda e maggiori possibilità ha l’impresa stessa di raggiungere in maniera ottimale i propri obiettivi.

Per questo è importante mantenere un welfare aziendale di qualità e coinvolgere positivamente le risorse umane nelle attività aziendali.

A tale scopo le aziende, o perlomeno quelle maggiori, hanno appositi uffici denominati ufficio risorse umane o hr department alla cui direzione c’è il responsabile risorse umane.

 

Chi è il responsabile risorse umane

Il responsabile delle risorse umane, detto anche con terminologia inglese responsabile hr oppure hr manager ha il compito di sovraintendere e di gestire tutte le attività e tutti i procedimenti interni che hanno a che fare con le risorse umane dell’azienda, il cosiddetto capitale umano.

Più l’azienda è grande e complessa più sarà strutturato e complesso anche l’ufficio risorse umane. Paradossalmente nelle aziende minori il responsabile risorse umane  deve svolgere da sé un po’ tutte le attività che riguardano la gestione del personale. Nelle aziende maggiori, invece, l’ufficio hr è solitamente più strutturato e ci sono figure diverse che si occupano, ciascuna, di una specifica attività inerente il personale.

 

Attività del responsabile risorse umane

Le attività del responsabile risorse umane riguardano:

  • il recruiting, vale a dire la ricerca, la selezione ed il collocamento del personale nell’impresa. Il responsabile hr supervisiona gli addetti alla selezione del personale;
  • la gestione del personale, vale a dire l’insieme di attività amministrative e legali connesse alla gestione della risorsa che è stata assunta. In queste attività rientrano: la predisposizione dei contratti di lavoro; l’effettuazione della comunicazione obbligatoria di assunzione del dipendente agli enti competenti (centro per l’impiego, Inps, Inail, Agenzia Nazionale politiche del lavoro, etc.); la gestione delle vicende successive relative al rapporto di lavoro (avanzamenti di carriera, modifiche del livello di inquadramento, modifica dell’orario di lavoro, etc.); l’esercizio del potere disciplinare nei confronti del dipendente qualora egli commetta dei fatti che costituiscono inadempimenti agli obblighi del dipendente; la gestione della malattia e dell’infortunio del dipendente; le politiche di promozione e incentivazione del personale; la gestione della cessazione del rapporto di lavoro;
  • la formazione del personale, cioè la definizione di programmi che permettano ai dipendenti di acquisire nuove conoscenze e competenze, colmare eventuali lacune, valorizzare e sviluppare i propri talenti. La formazione riguarda sia gli obblighi di legge (come ad esempio la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro o la privacy) sia le attività formative che l’azienda decide di organizzare per far crescere professionalmente il personale e per fare acquisire ai dipendenti nuove competenze;
  • il controllo sulla prestazione lavorativa del dipendente e la gestione dei dati relativi al personale dipendente;
  • la gestione dei rapporti con le rappresentanze sindacali aziendali e con le organizzazioni sindacali provinciali/regionali/nazionali (questa attività è definita anche gestione delle relazioni sindacali o delle relazioni industriali);
  • la gestione della comunicazione aziendale, attività importante per recepire le esigenze sentite dalla popolazione aziendale e aumentare la fidelizzazione dei dipendenti alla società;
  • la cura delle relazioni con le altre aree aziendali ed i consulenti esterni che affiancano la società.

 

Diventare responsabile risorse umane

Il lavoro del responsabile delle risorse umane essendo molto variegato come abbiamo visto richiede una serie di competenze anche molto diverse tra di loro. Dalla conoscenza degli aspetti giuridici legati alla gestione dei rapporti di lavoro e delle relazioni sindacali (diritto del lavoro, diritto sindacale), a contenuti economici inerenti l’organizzazione del lavoro e dell’azienda (economia aziendale, organizzazione aziendale) sino a competenze umanistiche e psicologiche con riferimento all’attività di ricerca e selezione del personale, di fidelizzazione dei dipendenti, di motivazione della manodopera, etc.

Per questi motivi il responsabile delle risorse umane può provenire da differenti percorsi accademici tra cui: Giurisprudenza, Economia, Psicologia, Lettere, Scienze politiche e Filosofia.

A volte il responsabile delle risorse umane non è laureato ma ha assunto la guida dell’area HR dopo un percorso di crescita e di carriera nel dipartimento risorse umane dell’azienda.

Chi vuole intraprendere il percorso per diventare Responsabile delle Risorse Umane può frequentare un Master universitario in questa disciplina. Tali Master prevedono anche dei periodi di esperienza diretta presso le aziende che consentono innanzitutto di apprendere conoscenze pratiche e non solo teoriche e poi anche di conoscere direttamente le aziende. Da tale conoscenza diretta spesso nascono, alla fine del Master stresso, dei rapporti di lavoro.

Iscriviti su NETtoWORK
Your Connections, Your Success!

iscrizione nettowork
Iscriviti su NETtoWORK – www.nettowork.it