Il processo di selezione del personale

Nell’ambito delle Risorse Umane, la selezione del personale è la funzione che si occupa del reperimento, selezione e inserimento in azienda dei nuovi dipendenti.
La quantità e la qualità delle risorse da ricercare dovrebbero derivare principalmente dal processo di pianificazione del personale, in base alle caratteristiche delle posizioni da ricoprire.
La selezione avviene in linea di massima tramite l’analisi dei curriculum, i colloqui con il responsabile della selezione (che può essere anche esterno), e il colloquio finale con il responsabile di linea interessato alla nuova risorsa.
La selezione del personale è una funzione rilevante, in quanto è quella che determina la qualità delle persone che vengono immesse in azienda, e quindi alla fine la qualità stessa delle risorse umane di un’azienda.

Fasi di reclutamento del personale

Per ottenere buoni risultati, il recruiting deve essere ben strutturato e organizzato. Le fasi di un processo di selezione del personale sono generalmente 3:

 

1. Job analysis e Job Description

La prima delle fasi di un processo di selezione comprende attività di raccolta delle informazioni relative al ruolo che il candidato dovrà ricoprire in azienda.

Tale attività è finalizzata all’analisi e all’identificazione del profilo ricercato (mansioni, compiti, attitudini, qualifiche e skills) e alla definizione della posizione vacante.

Tra le fasi di un processo di selezione è forse la più delicata, in quanto fondamentale per impostare le fasi seguenti. In genere, la cura nella definizione del profilo lavorativo si rivela direttamente proporzionale all’accuratezza nell’individuare la persona giusta per la posizione aperta.

Questa fase si svolge in concomitanza con un’analisi delle esigenze dell’azienda, per definire il profilo di cui si ha necessità.

Una volta definita la posizione e delineato il profilo da ricercare, si passa alla stesura della Job Description, ovvero dell’annuncio da pubblicare e diffondere.

 

2. Recruiting

La seconda delle fasi di un processo di selezione del personale consiste nel reclutamento dei candidati.

È importante coinvolgere in questa fase un buon numero di candidati, per poter selezionare i più validi e inviare una rosa di candidature ideali all’azienda cliente.

Innanzitutto, bisognerà scegliere il canale adatto per la propria ricerca, in relazione a diversi fattori (tipologia delle persone che si vogliono raggiungere, area geografica, età ecc).

La fase di recruiting si può suddividere a sua volta in tre momenti:

  • raccolta dei CV
  • screening dei candidati (prima scrematura effettuata in base a un’analisi dei cv in relazione ai requisiti previsti dalla job description)
  • convocazione per un primo colloquio (in azienda o più spesso presso la società di selezione che gestisce la ricerca)

 

3. Selezione del candidato

In questa fase dell’iter di selezione del personale avviene l’incontro diretto tra il recruiter e i candidati, finalizzato a una valutazione più attenta da parte del selezionatore.

Esistono diverse tipologie di colloqui di lavoro:

  • Colloquio individuale (conoscitivo e motivazionale)

È una tecnica di recruiting molto efficace, in quanto consente al selezionatore di analizzare il candidato sia tramite i suoi ragionamenti, che dal punto di vista del linguaggio non verbale.

L‘obiettivo di questo tipo di colloquio è verificare che il candidato possieda i requisiti necessari per svolgere le mansioni previste, raccogliendo dati non desumibili da altre fonti.

  • Colloquio situazionale

Si tratta di un’intervista in cui viene chiesto al candidato di descrivere come si comporterebbe in determinate situazioni o circostanze e svolgendo una certa mansione, per poter valutare un ipotetico inserimento professionale.

  • Test pratici e di personalità

Durante il colloquio il recruiter somministra al candidato prove pratiche relative alle mansioni che dovrà svolgere o alle sue conoscenze.

Anche i test di personalità sono molto importanti, in quanto utili per capire cosa ci si potrebbe aspettare dal candidato in ambito lavorativo, sul piano relazionale e caratteriale.

  • Colloqui di gruppo

Questa è una tecnica molto interessante, che consente ai recruiter di capire come i candidati si relazionano con gli altri e come gestiscono i rapporti interpersonali.

Dopo un primo colloquio con il recruiter, generalmente i candidati considerati idonei vengono segnalati all’azienda mediante l’invio di una rosa di candidati.

Nell’ambito dell’ultima delle fasi di un processo di selezione, quindi, l’azienda è tenuta a selezionare i candidati che ritiene più validi e a convocarli per un colloquio più tecnico, a cui potrebbero seguirne altri, a seconda dell’organizzazione aziendale e del grado di complessità delle mansioni che dovrà ricoprire.

Fasi di reclutamento del personale

Per ottenere buoni risultati, il recruiting deve essere ben strutturato e organizzato. Le fasi di un processo di selezione del personale sono generalmente 3:

 

1. Job analysis e Job Description

La prima delle fasi di un processo di selezione comprende attività di raccolta delle informazioni relative al ruolo che il candidato dovrà ricoprire in azienda.

Tale attività è finalizzata all’analisi e all’identificazione del profilo ricercato (mansioni, compiti, attitudini, qualifiche e skills) e alla definizione della posizione vacante.

Tra le fasi di un processo di selezione è forse la più delicata, in quanto fondamentale per impostare le fasi seguenti. In genere, la cura nella definizione del profilo lavorativo si rivela direttamente proporzionale all’accuratezza nell’individuare la persona giusta per la posizione aperta.

Questa fase si svolge in concomitanza con un’analisi delle esigenze dell’azienda, per definire il profilo di cui si ha necessità.

Una volta definita la posizione e delineato il profilo da ricercare, si passa alla stesura della Job Description, ovvero dell’annuncio da pubblicare e diffondere.

 

2. Recruiting

La seconda delle fasi di un processo di selezione del personale consiste nel reclutamento dei candidati.

È importante coinvolgere in questa fase un buon numero di candidati, per poter selezionare i più validi e inviare una rosa di candidature ideali all’azienda cliente.

Innanzitutto, bisognerà scegliere il canale adatto per la propria ricerca, in relazione a diversi fattori (tipologia delle persone che si vogliono raggiungere, area geografica, età ecc).

La fase di recruiting si può suddividere a sua volta in tre momenti:

  • raccolta dei CV
  • screening dei candidati (prima scrematura effettuata in base a un’analisi dei cv in relazione ai requisiti previsti dalla job description)
  • convocazione per un primo colloquio (in azienda o più spesso presso la società di selezione che gestisce la ricerca)

 

3. Selezione del candidato

In questa fase dell’iter di selezione del personale avviene l’incontro diretto tra il recruiter e i candidati, finalizzato a una valutazione più attenta da parte del selezionatore.

Esistono diverse tipologie di colloqui di lavoro:

  • Colloquio individuale (conoscitivo e motivazionale)

È una tecnica di recruiting molto efficace, in quanto consente al selezionatore di analizzare il candidato sia tramite i suoi ragionamenti, che dal punto di vista del linguaggio non verbale.

L‘obiettivo di questo tipo di colloquio è verificare che il candidato possieda i requisiti necessari per svolgere le mansioni previste, raccogliendo dati non desumibili da altre fonti.

  • Colloquio situazionale

Si tratta di un’intervista in cui viene chiesto al candidato di descrivere come si comporterebbe in determinate situazioni o circostanze e svolgendo una certa mansione, per poter valutare un ipotetico inserimento professionale.

  • Test pratici e di personalità

Durante il colloquio il recruiter somministra al candidato prove pratiche relative alle mansioni che dovrà svolgere o alle sue conoscenze.

Anche i test di personalità sono molto importanti, in quanto utili per capire cosa ci si potrebbe aspettare dal candidato in ambito lavorativo, sul piano relazionale e caratteriale.

  • Colloqui di gruppo

Questa è una tecnica molto interessante, che consente ai recruiter di capire come i candidati si relazionano con gli altri e come gestiscono i rapporti interpersonali.

Dopo un primo colloquio con il recruiter, generalmente i candidati considerati idonei vengono segnalati all’azienda mediante l’invio di una rosa di candidati.

Nell’ambito dell’ultima delle fasi di un processo di selezione, quindi, l’azienda è tenuta a selezionare i candidati che ritiene più validi e a convocarli per un colloquio più tecnico, a cui potrebbero seguirne altri, a seconda dell’organizzazione aziendale e del grado di complessità delle mansioni che dovrà ricoprire.

Selezione del personale: psicologia al centro

La selezione non è certamente un’attività esclusiva dello psicologo, dal momento che spesso vengono richieste conoscenze e competenze diversificate. Tuttavia, uno psicologo del lavoro può essere di maggior supporto. Infatti, può indagare i comportamenti e la motivazione, favorendo una maggior predittività riguardo la possibilità che la persona selezionata si inserisca nell’organizzazione in maniera positiva ed efficace, riducendo il rischio di turn over.

Svolgere attentamente un processo di selezione è di sicuro impegnativo e in alcuni casi rischia di essere economicamente oneroso. Farlo in modo meno attento però presenta altri tipi di rischi futuri, come la non compatibilità delle persone con il modello di valori aziendali ed il conseguente rischio di limitare le potenzialità della persona e/o del gruppo di lavoro.

Processo di recruiting

 

Selezione del personale su NETtoWORK

Durante l’attività di ricerca e selezione del personale, NETtoWORK diventa la soluzione per i recruiter che seguono sempre di più questa tendenza all’utilizzo del social recruiting e per le persone in cerca di lavoro.
NETtoWORK, infatti, è la più innovativa e completa piattaforma social per la ricerca e selezione del personale!
Le aziende iscritte possono trovare talenti con specifiche caratteristiche, avendo la possibilità di effettuare ricerche mirate e di valutare effettivamente le competenze dei candidati selezionati tramite la creazione di test aziendali con domande specifiche. In questo modo, potranno selezionare i candidati maggiormente qualificati da chiamare a colloquio.
Inoltre, visualizzando il video CV, riusciranno ad effettuare una selezione più semplice ed accurata e potranno contattare i candidati con un messaggio di chat direttamente sulla piattaforma. A loro volta, anche le imprese possono mostrarsi ai candidati tramite un video aziendale di presentazione, incentivando i talenti a collaborare con loro.

NETtoWORK semplifica ed ottimizza la comunicazione tra recruiter e candidato e i tempi di selezione!

 

Iscriviti su NETtoWORK
Your Connections, Your Success!

iscrizione nettowork
Iscriviti su NETtoWORK – www.nettowork.it