Lo storytelling un aiuto per le aziende del futuro?

Il 20 e 21 aprile, a Torino, Challenge Network e Scuola Holden presentano la seconda edizione di Corporate Storytelling, due giornate di formazione interaziendale dedicate al mondo delle imprese per gestire al meglio il cambiamento.

Prevedere il futuro, immaginarne i tratti e raccontarlo prima che arrivi: Scuola Holden e Challenge Network hanno scommesso su questo, invitando sei tra ospiti eccellenti e grandi maestri della narrazione, profondamente immersi nel reale, ma con sguardi capaci di mettere a fuoco alcune variazioni del quotidiano e del modo di lavorare e vivere nell’universo aziendale.

Corporate Storytelling è un percorso di formazione in due giornate ideato per rispondere all’esigenza delle imprese di trovare nuovi strumenti per gestire al meglio il cambiamento, avvicinare il futuro, “toccarlo quasi con mano”, raccontare emozioni e trasformarle in strategie di impresa: dallo sviluppo delle Risorse Umane ai processi di marketing; dall’analisi strategica al design del prodotto; dalla mission aziendale al racconto di impresa.

 

Cos’è e cosa significa Storytelling?

Storytelling è una parola composta presa in prestito dall’inglese per descrivere l’arte del raccontare storie impiegata come strategia di comunicazione persuasiva, specialmente in ambito politico, economico ed aziendale.

 

L’importanza dello Storytelling per le aziende

Anche le aziende, tutte le aziende, hanno una storia da raccontare, una propria identità che la contraddistingue dalle altre. Per meglio focalizzarla e narrarla, occorre innanzitutto che le aziende compiano un viaggio introspettivo, seguano un processo di auto-analisi, una riflessione su se stesse, per definire chiaramente la propria identità, per capire meglio i propri punti di forza e quelli di debolezza e per rilevare anche quali siano i bisogni espressi o inespressi degli interlocutori, per poterli così soddisfare mediante i propri prodotti o servizi offerti.

Nell’attuale mondo del lavoro, dinamico ed in continua evoluzione e trasformazione, l’azienda deve sapersi rivolgere in modo appropriato a ciascun pubblico, utilizzando narrazioni e canali diversi in base all’audience a cui si rivolge: deve pertanto imparare a dare alla propria identità una forma liquida, nel senso che deve essere in grado di mantenere invariata la propria storia, narrandola però in forme diverse, mirate, che si adattano alle diverse comunità a cui si rivolgono.

Le aziende devono pertanto imparare a creare tante narrazioni all’interno della loro narrazione principale.

Una continuità nel racconto della marca, coerente, lineare, che non crei confusione. Affinché il racconto di un brand sia in grado di differenziarsi dalle altre narrazioni, deve essere traboccante di personalità, deve saper incuriosire, coinvolgere e connettersi emotivamente con i consumatori, destando sensazioni forti (come paura, felicità, sorpresa, meraviglia) e facendo leva su valori ed ideali condivisi e condivisibili dai suoi interlocutori.

Deve essere in grado di coinvolgere emotivamente l’audience, immergendola e travolgendola nella storia stessa. Utilizzando sempre però un linguaggio semplice. E questa è una delle caratteristiche dello Storytelling. Il Brand narrativo attraverso lo Storytelling aziendale sarà pertanto in grado di fare la differenza, specie in un mercato colmo di messaggi e contenuti; sarà la molla che indurrà le persone a scegliere un prodotto piuttosto che un altro.

 

Ospiti d’eccezione a Torino

Testimoni eccezionali, ospiti eccellenti ed eventi unici si alterneranno nel General Store di Scuola Holden per offrire nuovi spunti e prospettive:

  • il presidente esecutivo di Eataly e membro cda della Bocconi, Andrea Guerra;
  • il volto della redazione londinese di Al Jazeera English, Barbara Serra;
  • l’incontro motivazionale con Manel Estiarte, il “Maradona della Pallanuoto”, che ha vinto tutto grazie a una telefonata che gli ha cambiato la vita;
  • l’esperienza interattiva con lo scrittore Roberto Saviano, uno scambio esperienziale con immagini che commuovono e travolgono;
  • la lectio magistralis con uno dei più grandi visionari del nostro tempo, Michel Reilhac, in grado di intuire come ci apparirà il mondo quando la Virtual Reality avrà preso il sopravvento;
  • l’incontro con Alessandro Baricco, maestro della narrazione e dello Storytelling, che regala sempre nuove chiavi di lettura per capire e interpretare la realtà attraverso il racconto
  • Mauro Berruto, ex allenatore della nazionale di pallavolo e oggi alla guida della Scuola Holden

Saper padroneggiare le tecniche dello Storytelling per le aziende significa saper padroneggiare un modello strategico in grado di trasformare, coinvolgere, diffondere conoscenze e know-how operativi e aggiungere valore a un sistema di conoscenze, per guidare la crescita della propria impresa.

Alla due giorni parteciperanno più di 100 aziende ed è prevista la partecipazione gratuita per giovani imprenditori con meno di 35 anni.

 

Iscriviti su NETtoWORK
Your Connections, Your Success!

Iscriviti su NETtoWORK – www.nettowork.it