Oggi inauguriamo una nuova sezione del nostro Blog intervistando Alberto Pellegrino, Managing Director di MEC-DIESEL Spa.

MEC-DIESEL Spa è uno dei più importanti fornitori europei di pezzi di ricambio per motori nell’aftermarket indipendente (IAM). La società è stata fondata a Torino nel 1983 per soddisfare le richieste del mercato dei motori IVECO / FIAT / CNH e dei pezzi di ricambio per veicoli commerciali leggeri, camion e autobus, nonché per applicazioni agricole, movimento terra, marine e industriali. Nel tempo, la gamma di prodotti è stata estesa ai pezzi di ricambio per furgoni e camion dei principali produttori mondiali come MERCEDES, MAN, SCANIA, VOLVO e RENAULT, nonché per le autovetture europee e asiatiche.

Oggi MEC-DIESEL è una realtà presente con filiali in Italia, Romani e Bulgaria con 250 dipendenti e con una rete di distribuzione worldwide su tutti i continenti.

E’ stata tra le prime aziende torinesi ad iscriversi su NETtoWORK ed a credere nella nostra piattaforma ed è alla costante ricerca di nuove risorse di talento per arricchire il proprio personale.

Conosciamo meglio l’azienda e chi la dirige grazie a questa intervista con il dottor Alberto Pellegrino, Managing Director di MEC-DIESEL!

 

Buongiorno dott. Pellegrino, grazie per averci concesso questa intervista: è un piacere ed un onore per noi!

Buongiorno e grazie a NETtoWORK per questa iniziativa, è un piacere parlare di MEC-DIESEL anche tramite la vostra innovativa piattaforma ed il vostro Blog.

 

Prima domanda: Cosa rappresenta per lei lavorare in MEC-DIESEL?

Lavorare in MEC-DIESEL per me rappresenta il modo migliore per dimostrare che in Italia si può avere successo anche da giovani. Quando mio padre ha acquisito il controllo dell’azienda nel 2013, all’epoca ero un neo-laureato di 21 anni, e mi ha detto: “vai a lavorare lì per imparare, poi dimostra il tuo valore” ho capito che era il momento di rimboccarsi le maniche. Oggi penso, almeno in parte, di averlo dimostrato.

 

Quali sono i valori principali su cui si basa MEC-DIESEL? In quale di questi si riconosce maggiormente?

Per riassumere i valori in una sola parola userei: desiderio. Perché per raggiugere grandi traguardi, la prima caratteristica da coltivare è il desiderio di fare qualcosa di buono.

Il desiderio di dare sempre il massimo. Il desiderio di dare ai nostri clienti, che sono camionisti fermi per un guasto e non possono lavorare, la miglior soluzione ai loro problemi, rapidamente e con il miglior rapporto qualità prezzo. Il desiderio di crescere, in termini di fatturato, di persone, di professionalità. Il desiderio è sia quello dell’azienda di diventare il più importante distributore di ricambi per autocarri e veicoli commerciali, sia quello del singolo che desidera essere parte attiva delle decisioni e della crescita, crescendo anche lui insieme all’azienda.

 

Bene! Come descriverebbe il suo ambiente di lavoro?

Giovane e dinamico, siamo passati da 35 persone a quasi 100 in 5 anni, in più abbiamo acquisito realtà che contano più di 150 persone. Di queste, la maggior parte le ho assunte personalmente. Crediamo nei giovani che hanno voglia di rimboccarsi le maniche, di darsi da fare per costruire qualcosa, per questo assumiamo tantissimi ragazzi neolaureati e neodiplomati per affiancarli a persone con tanta esperienza. Crediamo che l’unione di professionalità ed esperienza, con giovane età ed intraprendenza, possa portarci a grandi risultati. Quando sono arrivato, nel 2013, c’erano solo 4 laureati, oggi siamo quasi in 20 e con esperienze variegate: non solo ingegneria o economia, ma anche lettere o fisica.

 

In che modo la sua azienda stimola il buon operato e la crescita professionale interna?

Tutti gli anni, a novembre, discuto personalmente con tutte le persone che lavorano da noi per valutare come sta procedendo il loro percorso di crescita. A questi dialoghi, eventualmente, seguono aumenti retributivi, promozioni o cambi di posizione, a seconda dei traguardi raggiunti. Tanti in azienda hanno degli obiettivi da raggiungere ai quali seguono bonus di vario tipo. Quasi tutti i primi riporti sono cresciuti in azienda, solo uno arriva dall’esterno, e questo credo dimostri quanto crediamo nella crescita dei nostri ragazzi.

 

Ci sono politiche aziendali per la valorizzazione dei giovani talenti che lavorano con voi? Di che tipo?

Attualmente non ci sono differenze tra giovani talenti e le altre persone in azienda, però mi ha dato un buono spunto per introdurre un nuovo elemento premiante in azienda.

 

Se dovesse dare un consiglio ad un giovane che voglia lavorare con voi, su quali caratteristiche secondo lei dovrebbe puntare per catturare la vostra attenzione?

Il desiderio di crescere, la voglia di spaccare il mondo, la fame di raggiungere gli obiettivi prefissati, l’intelligenza per sapersi adattare a qualsiasi situazione e provare a risolvere qualsiasi problema.

 

Oltre al lavoro c’è anche il piacere: ci sono attività extra lavorative organizzate da MEC-DIESEL per fare anche team building o per puro divertimento?

Spesso si organizzano incontri informali tra colleghi quali: gare sui go kart, partite di calcetto o altre attività ludiche.

Per settembre prossimo stiamo organizzando la festa della famiglia in MEC-DIESEL per passare una domenica insieme ai parenti stretti di tutti i nostri colleghi: ci sarà la possibilità di vedere il posto di lavoro dove lavora il proprio padre/compagno/consorte, competere in tornei sportivi sia per i più piccoli che per gli adulti ed ovviamente tanto buon cibo.

Tutte le settimane da alcuni anni a questa parte invece mettiamo a disposizione un locale per corsi di pilates in pausa pranzo i quali stanno riscuotendo un grande successo.

 

Ottimo! Quali sono stati i traguardi e gli obiettivi raggiunti recentemente dall’azienda?

Dal 2013 ad oggi abbiamo più che raddoppiato il fatturato, siamo diventati 250 persone da 35 che eravamo, aperto filiali in giro per l’Italia (Cagliari, Catania, Bologna e Avellino) ed in giro per il mondo: Romania e Bulgaria.

Siamo appena all’inzio però, la strada è ancora lunga.

 

Quali sono le caratteristiche di un buon selezionatore?

Capire chi ha davanti, non soffermarsi su quello che ha già fatto una persona, ma su quello che vuole fare. A noi interessa relativamente poco quale titolo di studio ha conseguito una persona, ci interessa di più quanta voglia avrà di studiare quello che gli servirà per il percorso di crescita che andremo a fare insieme.

 

MEC-DIESEL è stata tra le prime a credere in NETtoWORK: perché?

Perché abbiamo sempre avuto difficoltà nel rapporto con i sistemi di recruiting tradizionali per selezionare i ragazzi giovani e da subito ci è sembrata un idea interessante per mettere in contatto una domanda ed un offerta che fanno veramente fatica ad incontrarsi.

 

Benissimo ringraziamo Alberto Pellegrino per l’intervista e per averci fatto conoscere meglio la realtà aziendale di MEC-DIESEL!

Grazie ancora a voi di NETtoWORK per questa intervista! E’ stato più che un piacere!

 

Vuoi approfondire la tua conoscenza di MEC-DIESEL e autocandidarti per lavorare nell’azienda di Alberto Pellegrino?

Registrati ora su www.nettowork.it ed invia a MEC-DIESEL un Video CV di autocandidatura!

 

Come fare per candidarsi? E’ facile!

 

Step 1– vai su www.nettowork.it

Step 2– compila il form, clicca su Registrati gratis e completa la registrazione

Step 3– completa il tuo profilo con foto e caricando un Video CV di 90 secondi registrato da smartphone per poter avere più offerte e contatti dalle aziende

Step 4– cerca MEC-DIESEL nella sezione “cerca aziende”

Step 5– Invia all’azienda un Video CV dedicato di 90 secondi in cui spieghi perchè sei tu il candidato ideale per questa azienda!

Iscriviti su NETtoWORK
Your Connections, Your Success!

iscrizione nettowork
Iscriviti su NETtoWORK – www.nettowork.it