AZIENDE

Riduzione costi del personale: come farla in caso di crisi aziendale

In tempi di crisi aziendale, una delle sfide più significative per ogni imprenditore o manager è ridurre i costi operativi senza compromettere l’efficacia e la qualità del lavoro svolto. Tra questi, il costo del personale rappresenta spesso una voce significativa nel bilancio aziendale, e la sua gestione diventa cruciale per garantire la sostenibilità e la continuità dell’attività in periodi difficili. Questo articolo mira a esplorare le strategie e le modalità più efficaci per la riduzione dei costi del personale in modo etico e sostenibile, senza dover necessariamente ricorrere a misure drastiche come licenziamenti o tagli significativi.

Nelle prossime righe analizzeremo una serie di approcci pragmatici, con l’obiettivo di fornire ai manager aziendali gli strumenti per affrontare la crisi mantenendo un team motivato e produttivo, riducendo al contempo il peso finanziario sulle spalle dell’azienda. Attraverso consigli pratici e considerazioni strategiche, delineeremo un percorso che consenta alle aziende di adattarsi alle sfide economiche attuali, preservando il loro asset più prezioso: le persone.

Riduzione costi del personale per crisi aziendale: cosa fare?

L’aspetto più importante da tenere in considerazione è adottare approcci che non compromettano il morale dei dipendenti o la capacità produttiva dell’azienda a lungo termine. Ecco alcune strategie e consigli per affrontare questa sfida.

1) Valutazione delle risorse umane: analizzare in modo critico la struttura attuale del personale per identificare aree di sovrapposizione o inefficienza. Questo può portare a riallocazioni di personale più in linea con le necessità aziendali.

2) Promozione del lavoro flessibile: implementare modalità di lavoro flessibili, come il telelavoro o l’orario ridotto, può aiutare a ridurre i costi operativi (ad esempio, spese per gli uffici) e mantenere i dipendenti motivati.

3) Congedo temporaneo o riduzione dell’orario di lavoro: invece di procedere con licenziamenti, considerare l’opzione di congedi non retribuiti volontari o la riduzione temporanea delle ore lavorative, con una corrispondente riduzione dello stipendio.

4) Rinegoziazione dei contratti: discutere con i dipendenti la possibilità di rinegoziare alcuni termini contrattuali, come bonus o benefit, per allinearli meglio alla situazione finanziaria attuale.

5) Formazione e riqualificazione: investire nella formazione dei dipendenti per aumentare la loro polivalenza e capacità di coprire più ruoli all’interno dell’azienda, ottimizzando così le risorse umane disponibili.

6) Incentivi all’esodo volontario: offrire pacchetti di incentivo all’esodo per i dipendenti che scelgono di lasciare volontariamente l’azienda, riducendo la forza lavoro in modo etico e i costi a lungo termine.

7) Utilizzo di lavoratori autonomi o part-time: dove possibile, sostituire o integrare il lavoro fisso con lavoratori autonomi o part-time per aumentare la flessibilità e ridurre i costi fissi.

8) Ottimizzazione dei benefit: rivisitare i pacchetti di benefit per eliminare o sostituire quelli meno utilizzati con opzioni più sostenibili finanziariamente.

In ogni caso, una comunicazione trasparente con i propri dipendenti riguardo alla situazione finanziaria dell’azienda è fondamentale per mantenere la fiducia e l’impegno del team.

Come ridurre il costo del personale: le modalità più efficaci

Un’efficace strategia per la riduzione dei costi del personale è ottimizzare la gestione del tempo. Questo aspetto tocca direttamente l’organizzazione delle risorse umane. Spesso si scopre che i dipendenti dedicano gran parte del loro tempo a compiti ripetitivi, che possono essere facilmente automatizzati grazie all’uso di software gestionali. Ad esempio, attività come la gestione delle ferie e dei permessi potrebbero essere gestite in modo efficiente da un unico programma, liberando tempo prezioso per i dipendenti.

Esistono anche diverse applicazioni e strumenti specifici che possono aiutare a velocizzare e rendere più sicuri i pagamenti, migliorare la comunicazione tra i team e rendere più efficiente il processo di onboarding. Questo non solo aumenta la produttività del personale, ma contribuisce anche a una significativa riduzione dei costi operativi. In definitiva, l’automatizzazione delle attività di routine e l’adozione di strumenti tecnologici per la gestione delle operazioni quotidiane si traduce in una forza lavoro più focalizzata, efficiente e produttiva.

Altra modalità da mettere in pratica per ridurre i costi del personale è la gestione intelligente degli spazi di lavoro. In particolare, per le imprese che offrono servizi, l’occupazione fisica di uffici potrebbe non essere indispensabile. Il lavoro a distanza si è affermato come una solida realtà, con la tecnologia che facilita una comunicazione fluida tra i collaboratori e i vari reparti, indipendentemente dalla loro ubicazione geografica. Prima di considerare la riduzione del personale, valuta la possibilità di proseguire l’attività in modalità remota, eliminando i costi associati alla gestione di uno spazio fisico.

Un ultimo consiglio è quello di esplorare le opportunità di agevolazioni e incentivi. Il sito web del Ministero dello Sviluppo Economico offre un vasto elenco di bandi dedicati alle aziende che operano sul territorio nazionale, rappresentando una risorsa preziosa per alleggerire i costi operativi. Grazie alla disponibilità di bandi, sussidi, agevolazioni e ristori, è realmente possibile abbattere le spese aziendali. Questi supporti si estendono a un’ampia gamma di iniziative, dall’investimento nella digitalizzazione e innovazione tecnologica, all’accesso a crediti d’imposta per la formazione del personale.

Vale la pena notare che, fino al 2026, le imprese potranno beneficiare di numerose opportunità grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) dell’Unione Europea. Questo piano è progettato per supportare l’Italia nella sua transizione verso la digitalizzazione e preparare i lavoratori alle sfide future, offrendo un’occasione unica per le aziende di investire nello sviluppo e nella crescita sostenibile.

Mobility Pays by NETtoWORK: una nuova soluzione, vantaggi per tutti

Come abbiamo visto, prima di arrivare a tagli del personale le soluzioni alternative sono tante e meritano di avere precedenza. Tuttavia, in alcuni casi, ricollocare i dipendenti è inevitabile. Una fase, quella dell’outplacement, che ha a sua volta dei costi (così come ha un costo la selezione del personale per chi invece è alla ricerca di lavoratori). Per ottimizzarli, vale la pena provare Mobility Pays. Perché è uno strumento indispensabile? Il motivo è semplice: con Mobility Pays le esigenze di cambiamento organizzativo, di efficientamento e di mobilità delle risorse umane diventano un processo win-win per tutti i soggetti coinvolti.

Mobility Pays tutela tutti gli interessi tipici di una mobilità inter-aziendale in termini di personale: quelli dell’azienda che cede la risorsa, quella dei dipendenti che cambiano occupazione e infine quelli dell’azienda che acquisisce. L’azienda cedente paga una fee a quella che reimpiega la risorsa, evitando il protrarsi di costi non più equilibrati con i fabbisogni aziendali. Inoltre, l’impresa che acquisisce sarà incentivata ad assumere perchè potrà godere anche di un periodo di test. E al dipendente verrà garantita una RAL maggiore rispetto a quella già percepita.

Il tutto ovviamente con la consulenza operativa di NETtoWORK, che si occuperà di mediare mettendo semplicemente in contatto le esigenze aziendali di chi cede e cerca risorse, tutelando i dipendenti e garantendo un guadagno per chi assume.

Trova i candidati ideali in 3 click!
Scopri la promozione per la tua azienda!

CONTATTACI

Correlati

Database candidati: come selezionare i profili migliori

Trovare il profilo perfetto non è così semplice come sembra. Oltre a rispecchiare le caratteristiche descritte nella job description, bisogna capire l’interesse reale della persona. Non sempre i candidati rispondono direttamente agli annunci di lavoro o ai contatti diretti con i recruiter. Se non si ottengono risposte dirette o se nessuno si candida agli annunci […]

Approfondisci

Lettera di impegno all’assunzione: a cosa serve e come farla

La lettera di impegno all’assunzione è uno strumento fondamentale sia per i datori di lavoro che per i futuri dipendenti. Questo documento, spesso sottovalutato o poco conosciuto, gioca un ruolo cruciale, dal momento che funge da ponte tra la proposta di lavoro e il contratto formale di assunzione. Non solo chiarifica le intenzioni del datore […]

Approfondisci